Consigli per la scelta di un nome a dominio

Credits image Pixabay

Suggerimenti pratici per scegliere il miglior nome a domino per il tuo business.

Introduzione

Nell’articolo Differenza tra dominio di primo secondo e terzo livello ti ho spiegato cosa sono i vari livelli di dominio.

Ora vediamo più nel dettaglio come scegliere un nome a dominio con qualche suggerimento e una descrizione, non esaustiva, di alcune cose da sapere.

A cosa serve registrare un dominio?

Un nome a dominio è un indirizzo Internet univoco indispensabile per rintracciarti sul web; prendiamo come esempio un nome come questo www.iltuodominioregistrato.com.
Il nome a dominio può essere il tuo nome/cognome, il tuo brand o rappresentare una chiave di ricerca.
Il nome a dominio, utile per una facile memorizzazione, è associato ad un indirizzo numerico IP che segue le regole protocollo di internet. È il servizio DNS (Dynamic Name Solver) che traduce il nome a dominio nel relativo indirizzo IP assegnato.
Registrare un dominio garantisce la personalizzazione delle tue mail come per esempio info@iltuodominioregistrato.com.
La registrazione del nome a dominio con un determinato suffisso ti conferisce l’utilizzo esclusivo di tale identificativo, proteggendoti dal rischio che qualcun altro lo possa utilizzare. Inoltre la proprietà del dominio di da l’opportunità di proteggere il tuo marchio o il tuo nome da abusi esterni.

L’estensione di un dominio identifica l’autority

Indipendentemente dal nome che andrai a scegliere per il tuo dominio, riveste un ruolo molto importante l’estensione del dominio stesso, che si chiama Top Level Domani (TLD).
La parte finale di un sito Internet come per esempio .IT , .COM, .EU, ecc., può indicare l’appartenenza del dominio ad una certa area geografica (.IT sta per Italia) oppure ad un certo tipo di categoria o associazione come per esemio .COM per i siti commerciali, .GOV per enti governativi, .NET per Network, .ORG per Organizzazione. Nulla vieta che possiamo registrare un dominio .COM anche se non siamo un’entità commerciale. Tieni presente che alcuni tipi di dominio sono riservati a pubbliche amministrazioni o statali.
Ad ogni TLD corrisponde una o più organismi preposti alla gestione del domino nell’area geografica prescelta o eventuale categoria.
Il principale compito istituzionale delle Authority è quello di stabilire le Regole e le Procedure con le quali vengono assegnati i nomi a dominio. Il TLD Italiano .IT è gestito dalla Registration Authority Italiana ubicata presso il CNR di PISA.

Chi registra un dominio

Chi registra un dominio per il registrante (Registrant) prende il nome di Maintainer.
Il Maintainer è l’intermediario tra il registrante e l’Autority che, come abbiamo visto, detta le regole di registrazione del  dominio. Il Maintanier è anche il manutentore delle informazioni relative al nome a domino preso in carico.
Sul mercato possiamo trovare tantissimi provider che permettono la registrazione di domini.
Acquistare un dominio non vuol dire pubblicare un sito.
Per pubblicarlo dobbiamo acquistare anche uno spazio web.
La registrazione ci assicura l’utilizzo di quel determinato nome tramite un pagamento annuale della quota dovuta al Maintainer.
Un nome a dominio può essere trasferito ad altro Maintainer.

Scelta di un nome a dominio

La registrazione di un nome a dominio di qualità è essenziale per aiutare le persone a trovare e ricordare il tuo sito.

Quando scegli un servizio di web hosting molte volte è sempre compreso il nome a dominio. Nulla vieta l’acquisto del solo nome a dominio per parcheggiarlo in attesa di utilizzi futuri.

Se stai ancora decidendo quale nome di dominio scegliere, ecco alcuni suggerimenti da considerare:

  • Rendi breve e accattivante il nome:
    La regola generale è che il nome a dominio più è breve e più è facile da ricordare. Il titolo dovrebbe essere qualcosa che rimane nella mente delle persone. Un nome a dominio lungo funziona solo se rappresenta una frase compiuta. Personalmente sconsiglio le interruzioni fatte da linee o punti (per esempio ilmioprimodominio.com e non il-mioprimo-dominio.com).
  • Utilizza principalmente caratteri alfanumerici:
    Evita di utilizzare nel nome a dominio caratteri diversi da lettere o numeri.
    Il classico trattino meno (-),  a mio avviso, è un carattere scomodo da inserire in un nome a dominio. Questo carattere difficilmente rintracciabile sulla tastiera si presta ad essere confuso con il carattere sottolineato (_). Inoltre, quando comunichi telefonicamente al tuo interlocutore il nome del dominio, devi sempre evidenziare se si tratta di un segno meno e non il trattino basso (underscore).
  • Utilizza parole chiave pertinenti:
    Affianca o incorpora in un nome a dominio parole chiave che contribuiscono alla tua strategia SEO.
    Le parole chiave rilevanti per la tua nicchia aziendale resteranno più impresse nella memoria delle persone persone e miglioreranno il tuo posizionamento nelle ricerche organiche. Un esempio? vetridilussomartini.com
  • Ricerca nomi di dominio:
    Verifica se altre società o individui hanno registrato un nome di dominio strettamente correlato al tuo settore, per evitare conflitti o confusioni.
  • Scegli l’estensione del nome di dominio più appropriata:
    I nomi di dominio possono terminare in .com, .org, .biz e molte altre estensioni. Scegli quello che meglio si adatta allo scopo del tuo sito web. Se operi solo nel mercato italiano puoi accontentarti di solo .it.
    Un consiglio: registra più di un’estensione per esempio .it, .com e .eu. Il costo di registrazione non è elevato e ti assicuri che nessuno possa creare un dominio con diversa estensione.

    Ti consiglio di leggere articolo I cinque motivi principali per acquistare più di un nome di dominio – Google Domains per trovare buoni motivi per registrare più di un dominio.

Ora che hai acquistato il tuo dominio, associalo ad piano hosting, ed inizia la tua avventura sul web.

Suggerimenti pratici sui domini

Qualche suggerimento per la scelta dal dominio e consigli d’uso.

  • Non comunicare se il dominio si scrive in maiuscolo o minuscolo, non serve. Tutti i browser traducono il nome a dominio in un indirizzo IP senza bisogno di scriverlo nell’esatta forma maiuscola o minuscola (case sensitive = distinzione tra maiuscole minuscole).
    Solo a livello di riga comando con sistemi operativi Linux abbiamo bisogno di scrivere esattamente le eventuali maiuscole o minuscole di una parola.
    Questa regola vale anche per le mail.
  •  Non dimenticare di comunicare l’estensione del dominio (.com, .it, .org, ecc.).
    Quante volte non è arrivata una mail perché il mittente sbagliava l’estensione e non verificava il messaggio di errore restituito dal client di posta.
    Se acquisti più domini con diversi TLD, potresti pensare di creare degli alias con i vari suffissi (p.e. info@miodominio.it / info@miodominio.com) che indirizzino la posta verso un unico contenitore, per non perdere mail importanti qualunque sia il suffisso utilizzato dal mittente.
    Devi devi registrare il nome a dominio prescelto con varie estensioni p.e. .com .it ecc.
  • Rendi cliccabili sui documenti che spedisci (PDF, Word) i link ai tuoi indirizzi web, mail e social. Sarà più facile per il tuo interlocutore accedere alle risorse in rete.
  • Non è obbligatorio comunicare http o https, la sigla che identifica lo standard di comunicazione del web.
  • I siti che non hanno un certificato digitale (https) ma sono solo http, se non richiedono inserimento di dati importanti attraverso form, possono essere utilizzati tranquillamente.

 

Chi può registrare un dominio?

Sia il privato che l’azienda o il professionista con partita IVA può registrare un dominio.
Se il tuo sito è pubblicato per scopi commerciali o professionali ricordati di inserire in home page la tua partita IVA. È un’informazione obbligatoria come disposto dall’articolo 35 comma 1 del DPR 633/72 (vedi PDF Agenzia delle Entrate).

Se sei un operatore occasionale senza partita IVA, non utilizzare un sito per pubblicizzare servizi che vuoi proporre. Un sito web è per coloro che offrono attività continuative e che possiedono partita IVA.
Fai una valutazione del fatturato che potrai produrre con un business plan per accedere al regime forfettario

Alcune risorse per approfondire

Regime forfettario: la guida completa di Fiscozen [Aggiornata 2021] – Fiscozen

Regime forfettario 2021: guida completa e aggiornata | Fatture in Cloud

 

Chi è responsabile del dominio registrato

Il responsabile del dominio è la persona, fisica o giuridica, a cui è intestata la registrazione del dominio.
I dati di tutti i registranti sono memorizzati nel database delle Authority relative al TLD scelto.

 

Pratiche scorrette di registrazione domini

La registrazione, gestione e mantenimento di un dominio, prevede il rispetto di una serie di regole o convenzioni di carattere legale, amministrativo, tecnico stabilite dall’autority. Il nome a dominio deve rispettare determinate regole
A livello legale la normativa tutela di marchi già registrati; vale la regola che nomi famosi, marchi registrati e nomi di uso comune non possono essere registrati da chi non abbia titolo per farlo, ovvero i proprietari dei marchi e/o i titolari dei nomi.
Ecco alcune pratiche scorrette nella registrazione dei domini:

  • Cybersquatting o accaparramento di domini prima che vengano registrati da eventuali persone interessate e poi rivenduti a prezzi maggiorati tramite aste o accordi.
  • Typosquatting, registrazione di domini che richiamano marchi famosi ma che contengano cioè un piccolo errore.

Registra sempre un dominio con i principali suffissi .com, .eu, .it, ecc. prima che lo faccia qualcun’altro. Registrare semplicemente un dominio senza hosting ha costi contenuti. In questo modo puoi salvaguardare il domino da registrazione. Ti assicuro che rientrare in possesso di un sito registrato apposite aziende è molto costoso.

Ti consiglio la visione Tutela del nome a dominio: quando si può richiedere? – YouTube sulle tutele legali.

 

Conclusione

Riservare un nome a dominio per la propria attività è assolutamente indispensabile. Il nome a dominio non è solo pubblicità ma ti permette di salvaguardare il tuo brand da utilizzi impropri fatti da terzi. Ti permette, inoltre, di utilizzare email personalizzate con il suffisso del tuo domino. Attenzione, però, a pensare che un buon nome a dominio aiuti la posizione del nostro sito nelle ricerche organiche. Sono i contenuti che fanno sicuramente la differenza.

 

 

Per approfondire

How to Properly Register a Domain Name (and get it for FREE) in 2021 (wpbeginner.com)

Trovalost.it Domini scaduti

Come tutelare un nome a dominio – Dirittodellinformatica.it

How to Properly Register a Domain Name (and get it for FREE) in 2021 (wpbeginner.com)

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.